Che poi dite che uno si incazza. Almeno per oggi me ne volevo state tranquillo. Tornavo a casa dopo una giornata di lavoro e sulla strada del ritorno noto una fitta nuvola nera prodotta da chissà cosa in lontananza. Era l’ennesimo rogo tossico appiccato in Campania. La Terra dei Fuochi continua a bruciare. Tra Afragola, Casalnuovo e Volla una colonna di fumo nera avvolge l’aria e sale in verticale. Mi avvicino,  voglio capire, voglio vedere. E nel frattempo la rabbia cresce. Fumo nero e denso. Fumo nero e denso che puzza. Chi è quello stronzo che ha acceso questo rogo?  Chi sono quelle merde che inquinano la nostra aria?  Razza di coglioni che avete acceso questo rogo denso e puzzolente ma lo sapete che anche voi state respirando questa merda nera?  Perché devo respirare questo schifo?  Non avete cervello, avete un criceto che gira a vuoto nella vostra testa e credete che quelle 4 lire che vi hanno dato per bruciare tutto quel materiale cancerogeno vi possa risolvere un piccolo problema contigente. Invece vi siete lasciati corrompere per avvelenarvi. Che voi siate rom, che siate neri, che siate solo emarginati in cerca di elemosina ve lo dico con il cuore: siete solo delle merde che si stanno suicidando e che non danno valore alla vita. Siete merde che avvelenano l’aria che respirano i vostri figli. Siete merde che avvelenano l’acqua che state bevendo. Siete merde che avvelenano la terra che state calpestando e la terra che tra poco darà i frutti che mangerete. I polmoni adesso sono rancidi ed impregnati di questo fumo nero che sto respirando adesso. Io nel frattempo mi sono chiuso dentro casa. Ho chiuso tutte le finestre anche se è luglio e fa caldo. Ho chiuso tutto per non respirare quella merda. Domani mattina le riaprirò e crederò che l’aria sia tornata buona, invece sarà sempre impregnata di quella puzza che adesso mi è entrata nei polmoni. Allora dico solo una cosa a tutti quei bastardi che oggi ed anche ieri hanno acceso tutti questi roghi tossici: che siate maledetti! Mi avete fatto incazzare grandissime lote,  so chi è stato, vi ho visto, e so che spesso vi fate comprare per farlo. Il denaro vi ha resi schiavi, il denaro non vi servirà quando finirete nelle vostre bare laccate. Ora mi calmo e domani proverò a dimenticare quello che ho visto, ma adesso rimane tutta la mia indignazione.