5031351_1938_ricchi_e_poveri

Devo dire che la Reunion a Sanremo dei Ricchi e Poveri mi ha emozionato. Strano a dirlo ma è stato così. Cantavo da solo a squarciagola sul divano le loro canzoni durante la loro esibizione sul palco dell’Ariston. E soprattutto mi è piaciuto farlo. Una sorpresa inaspettata, anche perché non credevo di essere un loro fan, almeno fino a qualche giorno fa. I Ricchi e Poveri erano lì in un angolino nascosto della mia mente. Discreti, pronti ad esplodere con tutta la loro energia.

Che poi non sapevo neanche chi fosse il quarto elemento del gruppo. Per noi ragazzi degli anni ’80 i Ricchi e poveri erano tre. Marina Occhiena non ci stimolava nessuna curiosità, un nome del tutto anonimo. Sapevamo che in origine erano quattro e che all’improvviso aveva abbandonato il gruppo la biondina dei ricchi e poveri, come aveva fatto Riccardo Fogli con i Pooh o Jack (John per la verità )Frusciante nei RHCP stimolando anche un bel libro ed un film cult a metà degli anni ’90.

Le loro canzoni erano subdole. Testi semplici, musica commerciale ed un sound che entrava nel cervello senza che te ne accorgessi. In modo subliminale. Se qualcuno in un posto imprecisato all’improvviso gridasse CHE CONFUSIONE, troverebbe immediatamente uno sconosciuto che replicherebbe senza esitazione SARA’ PERCHE’ TI AMO!

5007355_2113_sanremo_2020_ricchi_e_poveri_ospiti-kyAC-U31601485331497uF-656x492@Corriere-Web-Sezioni

Questa è la loro potenza. I Ricchi e Poveri sono pop nel vero senso della parola. Tutti li conoscono. Quel medley finale di Sanremo è stato devastante. Sarà perché ti amo! e MammaMaria  ci hanno fatto alzare dal divano, abbiamo cantato e ballato. E con grande sorpresa lo ha fatto anche il pubblico incartapecorito dell’Ariston. Tornare indietro di quarant’anni in un colpo solo è stato bellissimo! Tornare quel ragazzo degli anni 80 mi è piaciuto; entrare in quella macchina del tempo messaci a disposizione da Amadeus è stato eccezionale. “Non ho una lira però vorrei comprare il cielo per darlo a lei…” è la condizione che ci ha sempre accompagnato fino ad oggi ed i Ricchi e Poveri ce l’hanno ricordato. E per questo dico W i Ricchi e Poveri! Per noi che volevamo diventare ricchi e che oggi siamo sempre più poveri…